05
Ott
08

Antiche emozioni

Il mio leggendario Amiga 1200 in grande spolvero!

Il mio leggendario Amiga 1200 in grande spolvero!

Oggi ho avuto bisogno di recuperare alcuni file dal mio leggendario Amiga 1200 (cosa che non sono riuscito a fare, non so perchè ma il pc non riesce a leggere bene il disco msdos a 720 scritto dall’Amiga, strano perchè è un’operazione che ho fatto dozzine di volte) e così l’ho rispolverato e rimesso in funzione. Come potete vedere dalla foto è ancora in condizioni da vetrina! Merito anche di un insuperabile copritastiera rigido. Mi girava un po’ la testa combattere per riuscire a stare dentro 720 Kb quando oggi nelle dimensioni di un unghia si ha a disposizione uno spazio 4 volte superiore al mio Conner da 850 Mega pagato 500000 lire nel 1995! E ancora tutt’oggi perfettamente funzionante!

Mi sono messo a giricchiare un po’, ho riaperto il mitico Asmone, ho ricompilato i programmi assembly che scrissi da ragazzino che mi hanno regalato infinite emozioni, ho lanciato qualche demo d’annata e un paio di partite con il grande joystick Quickshot.

E che dire del fatto che, quando l’ho dovuto spegnere, per abitudine sono andato a cercare il pulsante shutdown? Poi mi sono messo a ridere e ho pensato: “ma questo è un’Amiga”!

E Amiga Rulez!

TAD

Annunci

10 Responses to “Antiche emozioni”


  1. ottobre 6, 2008 alle 11:32 am

    Grande TAD!
    Devo decidermi anch’io a riaccendere il glorioso 1200 che ho riposto con cura dentro l’armadio ^^
    E’ veramente incredibile la quantità di emozioni che questa macchina mi ha regalato, anzi, ci ha regalato… chi non conosce Amiga spesso marchia l’Amighista come un inguaribile nostalgico: beh, secondo me c’è molto di più oltre alla fisiologica nostalgia!

  2. 2 Giovanni
    ottobre 6, 2008 alle 12:39 pm

    Amiga è come il vino: invecchiando migliora!

  3. 3 TADsince1995
    ottobre 6, 2008 alle 2:27 pm

    Io penso semplicemente che chi non ha avuto il piacere e l’onore di vivere l’informatica degli anni 80, primi anni 90 si sia perso il lato veramente emozionale e passionale dell’informatica. Ci sono e ci saranno sempre gli appassionati di informatica anche tra i giovanissimi, ed è bene così, però io dico sempre: guardate le manifestazioni di retrocomputing, quando qualcuno porta il vecchio 286 o 386 alla fine porta una macchina, sì storica, ma anonima, che di sicuro sfigura in mezzo al pantheon di varietà e stranezze di quegli anni.

    I computer oggi, ci sono quelli più potenti e quelli meno potenti, ma alla fine sono tutti uguali…

    TAD

  4. ottobre 9, 2008 alle 1:16 am

    Ho ancora conservato il mitico amiga 600 che ai tempi della quinta elementare animava i miei pomeriggi. Le prime compilazioni, i primi videogiochi “evoluti” (monkey island 2 stava su 12 floppy, eppure ci giocavo)… Mi hai fatto venir voglia di riprenderlo in mano.

    Buona serata.
    Maximilian

  5. ottobre 14, 2008 alle 9:57 pm

    Io a casa in italia ho sia il vecchio 500 con doppio disk drive e due mega esterni che il 1200/030-frankenstein con hard disk in case esterno e cavettone IDE che sporge da un lato proprio sopra la PCMCIA e il buon m1438… non posso scordare il doppio boot, l’hard disk che si resetta e il mio workbench a 16 colori (di cui ho personalizzato le icone)

    E non posso manco scordare quanti colpi ho mandato una volta che ho scoperto che il tastierino sotto il protracker nel 1200 non mi permetteva piu’ di scegliere tutti i 32 strumenti:(:(:(

    Saimon69

  6. ottobre 25, 2008 alle 11:05 pm

    Mi sa che è dai tempi degli X-Zone che non ci si sente eh? 😉 Amiga Rulez!
    P.S.: Mi trovi su Punto Informatico che vedo leggi…

  7. 7 TADsince1995
    ottobre 26, 2008 alle 2:55 am

    Mitico Lanch!!! Mi fa piacere leggerti qui, è la prima volta che vengo “raggiunto” da un compagno di scena! Che nick usi su PI? Che fai di bello?

    Amiga Rulez!

    TAD

  8. ottobre 29, 2008 alle 1:31 am

    Nessun nick, sono un redattore :D, mah scrivo articoli, faccio consulenze, ordinaria amministrazione, sei a Palermo questo periodo? L’hai vista l’intervista che ho concesso a TGM l’anno scorso a proposito di nostalgia amighista? P.S.: Quest’edizione per la prima volta sono mancato a Pianeta Amiga…sigh..

  9. 9 TADsince1995
    ottobre 29, 2008 alle 10:34 am

    Ti ho risposto via mail!

    TAD

  10. novembre 5, 2008 alle 6:48 pm

    Io tengo religiosamente conservato il mio amato Amiga 4000/040 CV64-3D nel mio armadio con lamentele di mia madre che dice che di solito dentro gli aramdi ci stanno i vestiti 😛 Non oso separarmene… un giorno ci sarà abbastanza spazio in casa per tenere sia il 4000 sia il mio PC al quale sono affezionato perchè mi permette tra l’altro di usare seppure in emulazione Amiga… sul mio PC ho sia il mio AmigaOS 3.9 originale in emulazione sotto winuae sia AmiKit e convivono ambedue benissimo… Ogni tanto apro l’armadio e sfioro il mio amato 4000 come se fosse ancora in “uso”… è una bella sensazione… io ho iniziato nel 1991 col mio primo Amiga… era un 500 base… col tempo lo espansi… comprai una schedina Viper520CD che era una schedina acceleratrice con 020 a 33 Mhz, FPU opzionale, possibilità di raggiungere i 2 mb di chip ram, interfaccia IDE per quattro unità, 8 mb di ram a 60 ns. Comprai anche un case orizzontale per assemblare il mio 500 e me lo feci modificare da un fabbro su mie indicazioni, poi ci misi la scheda madre del 500, la Viper520CD, un HD da 3,5 pollici da 4 gb, un lettore cd e mi cotruii la cavetteria a mano con l’ausilio di un banale saldatore, infine comprai un guscio per la tastiera del 500 e ci collegai un cavo con connettore ideato e realizzato da me adattato da un impianto hi-fi… alla fine era perfetto… sembrava uscito da un negozio… avevo fatto un lavoro di certosino visto che sono un maniaco della perfezione 😛 Comunque erano altri tempi… magari oggi ci si scambia via mail qualche link interessante mentre moltissimi anni fa ci si scambiava lo schema elettrico di qualche pista da modificare o di qualche hack hardware da dover realizzare… anni in cui tutti più o meno sapevano usare un saldatore e ogni amighista ne aveva uno 😛 Io ricordo quegli anni con molta nostalgia ed il mio 4000 ne attenua l’astinenza 😛 Comunque quelli si che erano bei tempi! Oggi invece tu compri qualcosa e ti fa pure il caffè con zucchero o senza zucchero 😛 LOL!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: